Aggiorna il browser

La tua sicurezza è molto importante per noi. Al fine di proteggere te e i nostri sistemi, stiamo apportando delle modifiche a tutti i siti Web di HSBC; pertanto, alcune delle versioni di browser Web meno recenti non potranno più accedere a questi siti. Generalmente, le ultime versioni di un browser (come Edge, Chrome, Safari, ecc.) e di una famiglia di sistemi operativi (come Microsoft Windows, MacOS) hanno le funzioni di sicurezza più aggiornate.

Se visualizzi questo messaggio, abbiamo rilevato che stai utilizzando un browser meno recente e non supportato. 

Come aggiornare il browser

Politiche e Informative

Informativa sulla Sustainable Finance Disclosure Regulation (SFDR)

Articolo 4 - Come consideriamo i principali impatti negativi delle decisioni di investimento sui fattori di sostenibilità

"Come consideriamo i principali effetti negativi delle decisioni di investimento sui fattori di sostenibilità"

L'UE definisce i principali effetti negativi (Principal Adverse Impacts - PAI) come "effetti negativi, rilevanti o che potrebbero essere rilevanti sui fattori di sostenibilità che sono causati, aggravati o direttamente collegati alle decisioni di investimento e alla performance di consulenza del soggetto giuridico". Riconosciamo che i rischi di sostenibilità possono portare a risultati che hanno effetti sia positivi sia negativi sulla società o sulle persone, nonché sulla performance dei prodotti finanziari. Tenere conto degli indicatori PAI nel nostro processo di investimento e monitorare gli indicatori PAI a livello di entità e di prodotto permette di gestire tali effetti negativi e i rischi di sostenibilità dei nostri investimenti.

In HSBC Asset Management, consideriamo i PAI obbligatori di cui alla Tabella 1, dell'Allegato I delle norme tecniche di regolamentazione del Regolamento SFDR:

  • Le politiche tematiche della nostra società definiscono il nostro approccio generale allo screening, al processo di investimento e all'impegno su questi temi specifici. Tali politiche comprendono le armi vietate, il cambiamento climatico, i diritti umani e la biodiversità, disponibili sul nostro sito web.
  • In qualità di gestore patrimoniale di grandi dimensioni, che offre una gamma di prodotti a gestione attiva e passiva, gli indicatori PAI possono essere inclusi nel nostro processo di investimento attraverso l'integrazione, l'impegno e/o l'esclusione.
  • La nostra integrazione ESG, definita nella nostra politica di investimento responsabile (RI), affronta gli effetti materiali degli indicatori PAI nella nostra ricerca fondamentale e contribuisce alle decisioni di investimento nel nostro processo di investimento.
  • Per i nostri prodotti d'investimento, gli indicatori PAI possono essere riflessi nella costruzione del portafoglio attraverso tecniche di screening, tilting e altro.
  • Per la nostra definizione di investimento sostenibile nell'ambito del Regolamento SFDR, i PAI sono gli elementi chiave per rispettare il principio teso a non arrecare danni significativi.
  • In materia di responsabilità di gestione (stewardship), le nostre politiche di voto e i nostri piani di impegno (riportati di seguito) affrontano direttamente o indirettamente diversi indicatori PAI con l'obiettivo di promuovere cambiamenti positivi
  • Per quanto riguarda la gestione del rischio, i nostri processi di gestione del rischio monitorano e gestiscono i PAI rilevanti per garantire che i portafogli dei clienti riflettano i loro obiettivi di investimento.

Il Regolamento SFDR richiede che venga stilata una relazione annuale sui principali effetti negativi entro il 30 giugno, a partire dal 2023. HSBC Asset Management prosegue i suoi sforzi per integrare il quadro PAI nei suoi processi di cui sopra e apporta miglioramenti di conseguenza. I potenziali miglioramenti in corso comprendono il potenziamento delle fonti di dati PAI, dell'infrastruttura di reporting e monitoraggio PAI e della formazione interna. Gli indicatori PAI saranno utilizzati anche per informare e formulare le nostre priorità di impegno.

Descrizione delle politiche per identificare e dare priorità ai principali effetti negativi sui fattori di sostenibilità

Riconosciamo che i rischi di sostenibilità possono portare a risultati che hanno un effetto negativo sul valore dei prodotti finanziari e sulla società. Il nostro obiettivo è, pertanto, di incorporare le questioni di sostenibilità nel nostro processo di investimento e di cercare di mitigare gli effetti negativi. Sosteniamo i principi del Global Compact delle Nazioni Unite e, oltre alla Politica RI, abbiamo sviluppato politiche e dichiarazioni autonome su Armi vietate, Biodiversità, Cambiamento climatico e Diritti umani, che delineano ulteriormente il nostro approccio, compreso il modo in cui integriamo i rischi e le opportunità associati, il nostro impegno e le attività di collaborazione. I dettagli sono riportati nella nostra Politica RI e sul nostro sito web.

A livello di fondo, la priorità assegnata ai principali effetti negativi dipende dagli obiettivi sostenibili o dalle caratteristiche E e S del fondo.

Tali politiche si applicano anche quando HSBC Asset Management agisce come partecipante al mercato finanziario (gestore degli investimenti) o come consulente finanziario.

Fonti dei dati

In HSBC Asset Management, ci avvaliamo dei nostri molteplici fornitori di dati per ottenere i dati più rilevanti al fine di monitorare e identificare i principali effetti negativi e i rischi di sostenibilità. Riconosciamo che l'affidabilità e la disponibilità dei dati possono variare tra gli indicatori PAI e tra le regioni. La risoluzione di questo problema può richiedere molto tempo, in quanto i requisiti di divulgazione nei vari mercati sono ancora diversi e la standardizzazione della divulgazione è in fase di convergenza. Pertanto, ci avvaliamo anche della nostra piattaforma globale di analisi degli investimenti e delle nostre attività di impegno per formulare la nostra valutazione sui rischi di effetti negativi sui nostri investimenti. La ricerca, l'analisi e le conclusioni proprietarie seguono le procedure interne di attuazione della Politica RI (riportate di seguito) e la governance.

Riepilogo delle Politiche di Engagement

Crediamo fermamente nell'impatto e nell'efficacia dell’engagement come mezzo per migliorare le pratiche aziendali e pertanto ci impegniamo attivamente con le società in cui investiamo. Se le società in cui investiamo presentano rischi di sostenibilità, possiamo applicare esclusioni selettive, che esaminiamo regolarmente. Inoltre, ci impegniamo direttamente con i team di gestione aziendali per segnalare le aree di criticità. La nostra Politica di Engagement, che contiene ulteriori informazioni su questo argomento, è disponibile sul nostro sito web. Pubblichiamo il nostro piano annuale di stewardship, che illustra anche il nostro approccio alla prioritizzazione dei temi di engagement.

Riferimento agli standard internazionali

In HSBC Asset Management, ci impegniamo a applicare e promuovere standard globali e crediamo nell'azione collaborativa per affrontare le sfide della sostenibilità a livello globale. La nostra Politica RI (riportata di seguito) comprende un elenco completo delle adesioni e degli standard di sostenibilità a cui HSBC Asset Management partecipa, quanto riportato di seguito è direttamente rilevante per i PAI:

  • Impegno per la biodiversità
  • Norme sul lavoro dell'Organizzazione Internazionale del Lavoro
  • Net Zero Asset Managers initiative
  • Linee guida dell'OCSE per le imprese multinazionali
  • Patto mondiale delle Nazioni Unite
  • Principi guida delle Nazioni Unite su imprese e diritti umani
  • Principi ONU per l'investimento responsabile
  • Dichiarazione universale dei diritti umani

Siamo sostenitori dell'Accordo sul clima di Parigi, un trattato internazionale firmato nel 2015 che impegna i Paesi ad adottare un'economia a basse emissioni di carbonio. Nell'ambito della Net Zero Asset Managers initiative, abbiamo fissato l'ambizione di azzerare le emissioni nette (Net Zero) entro il 2050, in tutti gli asset gestiti, in linea con gli sforzi globali per limitare il riscaldamento a 1,5 °C. Abbiamo fissato un obiettivo intermedio in base al quale ci siamo impegnati a gestire il 38% dei nostri AUM totali (sulla base dei dati del 2019) in linea con il net zero, puntando a una riduzione del 58% entro il 2030 dell'intensità delle emissioni di carbonio (tCO2e/mn di dollari investiti) in termini di emissioni di Ambito 1 e 2 per questi asset (rispetto al 2019).

Articolo 3 - Trasparenza delle politiche in materia di rischi per la sostenibilità.

Intendiamo sostenere il successo dei nostri stakeholder: i nostri clienti, azionisti, le società in cui investiamo e il pianeta in cui viviamo.  Puntiamo a generare valore concentrandoci sulle esigenze di investimento dei clienti, realizzando la nostra filosofia di eccellenza negli investimenti e supportando la transizione verso un futuro sostenibile.

HSBC Asset Management è impegnata a giocare un ruolo di leadership sul fronte dell’investimento responsabile.  Di conseguenza, le nostre decisioni di investimento in qualità di Gestore tengono conto dei significativi rischi ambientali, sociali e di governance societaria (ESG).  Se i Governi e le società in cui investiamo non gestiscono bene i rischi ESG, la loro redditività potrebbe subire delle ripercussioni, con un conseguente potenziale impatto sui rendimenti degli investimenti dei nostri clienti. Dal momento che forniamo unicamente indicazioni in qualità di Consulenti finanziari per i soggetti che investono nei nostri fondi, le nostre indicazioni includono già i rischi ESG tenuti in considerazione dai nostri gestori.

La nostra Politica di Investimento Responsabile delinea il nostro approccio all'investimento responsabile, che si focalizza sui dieci principi del Global Compact delle Nazioni Unite (UNGC). Il Global Compact stabilisce quattro aree di rischio non finanziario: diritti umani, lavoro, ambiente e lotta alla corruzione. Utilizziamo fornitori terzi incaricati dello screening volto a identificare le società che denotano un track record scadente nelle suddette aree. Nel caso in cui siano individuati dei potenziali rischi non finanziari, conduciamo anche una nostra due diligence.

Crediamo inoltre che sia un nostro dovere essere garanti attivi e a lungo termine delle società in cui investiamo per conto dei nostri clienti. Periodicamente teniamo delle riunioni con le suddette società, nel quadro del nostro monitoraggio continuo. Tutto ciò ci aiuta a:

  • migliorare la nostra comprensione delle loro attività commerciali e strategie;
  • esprimere sostegno o segnalare le criticità che riscontriamo nelle decisioni del management; e
  • comunicare con le società per illustrare in modo chiaro i nostri obiettivi e aspettative. 

Riconosciamo l’engagement collaborativo quale strumento efficace per promuovere il cambiamento, soprattutto laddove l’azione del singolo investitore potrebbe risultare meno efficiente.  Pertanto, partecipiamo a iniziative congiunte di engagement condotte dagli investitori che sono in linea con le nostre partecipazioni e priorità tematiche, in particolar modo negli ambiti in cui crediamo di apportare un’influenza positiva nel miglioramento delle società in cui investiamo.

Crediamo fortemente nell’impatto e nell’efficacia dell’engagement nel miglioramento delle pratiche aziendali.  Tuttavia, riconosciamo che in alcuni casi l’engagement presenti poche possibilità di successo oppure il rischio insito nell’investire in una determinata società sia troppo elevato.   Se comprendiamo che il nostro engagement con le società in cui investiamo non sta apportando un sufficiente progresso nella riduzione dei rischi di sostenibilità, applichiamo esclusioni selettive che vengono riviste su base continuativa. 

Infine, riteniamo che la trasparenza e l’informativa siano elementi fondamentali di una buona governance;  sono aspetti che ci aspettiamo di trovare nelle società in cui investiamo, poiché ci consentono di attuare decisioni di investimento più adeguatamente informate. Al tempo stesso, crediamo che sia altrettanto importante per noi essere trasparenti nei confronti dei nostri clienti e principali stakeholder , adottando una comunicazione chiara con loro.



Politiche

Green Impact Investment Guidelines

Green Impact Investment Guidelines

Politica di voto globale

Politica di voto globale

Politica di Investimento Responsabile

Politica di Investimento Responsabile

Politica sui cambiamenti climatici

Politica sui cambiamenti climatici

Politica di voto per l’Europa

Politica di voto per l’Europa

Politica sulle armi proibite

Politica sulle armi proibite

La politica di HSBC Asset Management in relazione al carbone termico

La politica di HSBC Asset Management in relazione al carbone termico

Metodologia per l’investimento sostenibile

Metodologia per l’investimento sostenibile

Politica sulla biodiversità

Politica sulla biodiversità